Estratti Nota & Sinossi

Una anteprima di 'intuizione di Einstein: Visualizzare la Natura in undici dimensioni' è disponibile qui, che include la prefazione e capitoli da uno a quattro. Selezionare un capitolo o le sinossi dal menu brano libro nella parte superiore di questa finestra o facendo clic sui collegamenti qui sotto.

Prefazione Capitolo primo Capitolo due Capitolo Tre Capitolo quattro

Il libro completo è disponibile in copertina rigida a colori, copertina morbida a colori, iBook e audiolibro qui.

Capitolo Sinossi:

Prefazione

L'umanità ha sempre desiderato di intravedere ciò che si trova appena oltre l'orizzonte, a toccare ciò che è appena fuori dalla portata. La nostra curiosità ci guida a cercare ciò che sta al di là dei nostri sensi e di dare un senso di un mondo contraddittorio nel carattere. Grandi esploratori del passato compilato la mappa del nostro mondo. I loro grafici arricchito il nostro accesso concettuale al grande oltre. Ma questo era solo l'inizio. Il mondo è solo una piccola parte di ciò che deve essere mappato. La struttura della realtà, l'universo, le leggi della fisica, e il carattere di fondo profondo che sostiene tutto deve essere mappato se siamo mai avere risposte intuitive alle nostre domande più grandi. Einstein era l'ultimo grande campione della quest per ottenere questa mappa completa. Ha preso le nostre nozioni sterili della realtà fisica e compilato in dettagli che nessuno prima di lui aveva immaginato. Ha raggiunto in profondità dentro di sé, ha toccato il grande oltre, e ha chiamato l'esperienza "sollevare un angolo del grande velo." E 'tempo per noi di sollevare il resto di quel velo. E 'tempo per noi di scoprire il resto della struttura nascosta della natura e per imparare a concettualizzare contemporaneamente undici dimensioni.

Parte 1 - Tornando a un approccio concettuale

Capitolo 1 - Vedendo il problema

Questo capitolo introduce il lettore alla storia di come la nostra mappa concettuale del cosmo è cambiato nel tempo. Le nostre prime mappe raffigurati la terra come un disco piatto, circondato da una sfera rotante gigante che è stato integrato con migliaia di piccoli punti di luce. Con più osservazioni il mondo passa da essere descritto come piatto per arrotondare. Per spiegare i movimenti del sole e della luna tre sfere distinte, tre livelli celesti, sono stati aggiunti alla mappa. Poi, quando sono stati notati i movimenti dei cinque pianeti visibili la mappa del cielo si è evoluto in uno con sette livelli all'interno della sfera originale di stelle. Oggi tutte queste nozioni sono stati sostituiti da una mappa che colloca il nostro mondo in orbita attorno una stella media che si trova in una galassia piuttosto media cercando. La migliore carta corrente che abbiamo del cosmo (relatività generale) è stato scritto da Albert Einstein. La sua carta ha rivelato un carattere di spazio-tempo che non era mai stata contabilizzata. Ma nonostante i miglioramenti, la mappa di Einstein non è ancora completo. Ci sono molte osservazioni che non spiega o prevedere. Infatti, l'intero regno del super-piccolo contraddice completamente le regole della relatività generale. La meccanica quantistica è l'insieme di equazioni matematiche che vengono utilizzati per spiegare statisticamente occorrenze in quel regno microscopico. Queste equazioni non sono state combinate in qualsiasi mappa utile o intuitivo. Essi non sono stati anche conciliarsi con le esigenze della mappa di Einstein. Oggi ci troviamo con una mappa incompleta in mano mentre scrutiamo nella struttura della Natura.

Capitolo 2 - Ripensare Spazio e Time Again

Al fine di continuare la nostra ricerca per la mappa finale della realtà fisica che dobbiamo essere disposti a riscrivere completamente la struttura fondante di quella mappa. Le fondamenta di ogni mappa sono i presupposti al suo interno che definiscono la struttura dello spazio e del tempo. Tutte ordine superiore geometriche regole, strutture e interazioni derivano da questi assunti di base. Dal momento che siamo stati in grado di spiegare i misteri della Natura attraverso la lente dei nostri attuali presupposti abbiamo bisogno di rivedere quelle ipotesi e considerare la possibilità di una nuova struttura di sotto di tutto. Abbiamo bisogno di sfidare i nostri ipotesi più fondamentali su spazio e tempo.

Capitolo 3 - Dimensioni

Per ristrutturare la nostra concezione della realtà fisica che dobbiamo fare in modo che capiamo che cosa una dimensione è. I parametri dimensionali di un dato mappa costituiscono la base e la struttura per tutto ciò che segue. Questo capitolo illustra esattamente ciò che significano i fisici con la parola 'dimensione'. E poi esplora la connessione esistente tra dimensioni spaziali e spiega come quei descrittori sono parte della nostra mappa della realtà fisica. Avanti esaminiamo l'idea di geometrie spaziali curvi, che ci porta alla possibilità di ulteriori dimensioni. La dimensione (s) di vengono anche brevemente introdotto in questo capitolo.

Capitolo 4 - Il Quantized Nature of Spacetime

Questo capitolo introduce alcuni indizi molto importanti che useremo a mettere insieme la nostra nuova struttura fondante della realtà fisica. Alcuni dei più grandi misteri della Natura provengono dalla natura quantistica del regno microscopico. La meccanica quantistica ci ha insegnato che vi è una unità discreta minimo spazio e nel tempo. Interazioni elettriche e magnetiche fondamentali sono tutti basati su unità discrete quantistica. Luce esiste anche in pacchetti chiamati fotoni quantici. In qualche modo tutti questi pacchetti quantistici viaggiano attraverso il tessuto dello spazio come un'onda misterioso, ma anche mantengono le loro caratteristiche quantistiche. Tutto questo ci porta al suggerimento che il fondamento della nostra nuova mappa della realtà fisica deve incorporare una struttura quantizzata per il tessuto dello spazio e del tempo.

Parte 2 - Il Quadro di Quantum Theory Spazio

Capitolo 5 - Volume Assoluto

In questo capitolo, il lettore viene introdotto il quadro di base della teoria spazio quantico (QST). Imparano a concettualizzare nove dimensioni spaziali contemporaneamente e scoprire come è possibile muoversi da un luogo all'altro senza cambiare x, y, z posizione. Vengono introdotti i tre tipi di volumi (interspaziali, spaziali, e superspatial) e il concetto di due dimensioni temporali è prefigurata. Questa nuova geometria rivela molte caratteristiche di spazio-tempo che vengono ignorati nelle descrizioni quattro dimensioni familiari. Questi parametri geometrici aggiuntivi sono dove gli effetti misteriosi di meccanica quantistica e la relatività generale provengono. Elevando la nostra comprensione della struttura della natura (mappa nella nostra testa) per includere tutte le undici dimensioni che costituiscono realtà fisica ha l'effetto di portarci in sincronia con la sua forma attuale. Nel fare questo otteniamo l'accesso alle soluzioni intuitive dei più grandi misteri della fisica moderna.

Capitolo 6 - Spazio

Il concetto di spazio è sempre stato evasivo. Gli esseri umani sono abituati a concettualizzare lo spazio come il nulla - quello che hai se si rimuove tutto da una regione. Eppure abbiamo sempre saputo che lo spazio è intrisa di proprietà. Ad esempio, la distanza e il volume ancora una volta rimaniamo togliamo tutto il resto da una regione. Questa quantità misurabile non è il nulla - ma che cosa si tratta esattamente? Che cosa è fatto? Quali altre caratteristiche ha? Come possiamo estraiamo una definizione della distanza dalla geometria della natura? Quali sono i presupposti geometrici che si trovano sotto le nostre risposte a queste domande? Queste ed altre domande vengono affrontati in questo capitolo. Sulla base della nostra nuova geometria undici-dimensionale arriviamo a una conclusione su quale distanza è davvero, come la struttura dello spazio compone le quattro dimensioni della Natura che ci sono familiari, e perché lo spazio esiste solo in un senso discreto.

Capitolo 7 - Tempo

L'idea che il tempo passa a un ritmo universale in tutte le sedi in tutto l'universo sembra ovvio a noi. 100 anni dopo Einstein dimostrò questa idea falsa la maggior parte del mondo ancora pensa che viaggiare nel tempo a ritmi diversi è una cosa che si trova solo nei film di fantascienza. La sorpresa è che il viaggio nel tempo è un fatto scientifico. Questo fatto viola la nostra intuizione familiare a quattro dimensioni, è dotato di un eccesso di domande filosofiche, ma è un dato di fatto comunque. Fisici lunghi fa hanno cercato di tenere conto di questo carattere della Natura. In questo capitolo si scopre che, dal punto di vista undici-dimensionale questo fatto non è solo intuitivamente spiegato, è richiesto anche dalla geometria dello spazio-tempo. Il passare del tempo è definita in modo univoco ad ogni posizione nel mare di spazio-tempo. Poiché il carattere di quella mare cambia, da una regione all'altra, il tasso al quale il tempo passa riflette questi cambiamenti. Tutto questo può essere letto dalla chiave della nostra nuova mappa undici-dimensionale. Spiega la freccia del tempo che viviamo, e si risolve enigmi filosofici del viaggio nel tempo.

Capitolo 8 - The Speed ​​of Spacetime

Molte persone sanno che i fisici dicono che il nulla più veloce può passare attraverso lo spazio è la velocità della luce. Le persone spesso rispondono a questa dichiarazione affermando che con una migliore tecnologia che un giorno troveranno un modo per andare più veloce della velocità della luce. Non riescono a riconoscere che la velocità della luce non è un riflesso delle nostre capacità tecnologiche. Invece è più simile a dire che non si può andare più a nord rispetto al Polo Nord. La geometria dello spazio-tempo impone questa condizione. Esso si iscrive nel tessuto della realtà fisica. Questo capitolo esplora quella texture e spiega perché questa condizione deriva naturalmente dalla geometria undici-dimensionale della Natura.

Capitolo 9 - Warped Spacetime

Qui, ci immergiamo nei misteri della gravità. La forza magica che tira la luna verso la terra ha, come un enigma senza fine, lungo eco attraverso le menti dell'umanità. Einstein collegato gravità per una distorsione geometrica che si estendeva in dimensioni superiori, ma non ha mai ci ha concesso con un quadro completo di queste dimensioni aggiuntive. Ora che abbiamo imparato a concettualizzare queste altre dimensioni, la nostra mappa dell'Universo conti naturalmente per gli effetti che di credito alla forza di gravità. In questo capitolo si pratica il passaggio nostra intuizione dalla vista quadridimensionale siamo cresciuti con alla vista undici-dimensionale di qst. Mentre facciamo questo, scopriamo che indovinelli di gravità facilmente si trasformano in condizioni accessibili della struttura della Natura.

Capitolo 10 - The Bucket

L'antico dibattito filosofico sulla natura di accelerazione in funzione del tempo e della posizione si basa sulla necessità o meno di un sistema di riferimento di base esiste in natura. In questo capitolo si scopre una soluzione unica per questo aspro dibattito. Troviamo che dall'interno delle undici dimensioni che definiscono il nostro universo, c'è un sistema di riferimento di base - quella che noi chiamiamo volume assoluto - ma dal punto di vista finale (qualsiasi volontà di dimensione superiore) che sistema di riferimento è così fluido come il resto. La ragione per cui il tempo e la posizione sono misure che possono essere definiti soltanto in confronto ad un altro tempo o posizione, mentre l'accelerazione non ha bisogno di confronto da definire, è un risultato diretto della struttura quantizzato dello spazio-tempo. Questa condizione è richiesto anche dalla geometria della natura.

Capitolo 11 - Analisi dimensionale

Questo capitolo passa in rassegna le misure che abbiamo esplorato in questa parte del libro. E poi introduce i concetti curiose spinori e le esigenze di libertà dimensionale limitata che la gravità imposta nell'universo. Dopo aver spiegato come queste condizioni sono conseguenze della geometria quantizzato abbiamo esplorato esaminiamo i requisiti filosofiche per estendere le regole di quella geometria. Discutiamo dove queste regole ci portano, e il modo in cui apriamo la prossima grande porta dell'immaginazione umana. E 'qui che le corde del cuore della nostra vita personale sono collegati al mondo esterno e l'infinito si trova nel finito.

Parte 3 - Realtà Fisica a undici dimensioni

Capitolo 12 - Le questioni della Meccanica Quantistica

Per capire come miracolosa è che siamo in grado di risolvere i grandi misteri dei piccoli regni semplicemente cambiando le nostre ipotesi geometriche su spazio-tempo abbiamo bisogno di avere familiarità con quei misteri. A tal fine il presente capitolo illustra gli enigmi della meccanica quantistica: dualità particella / onda, la non-località dell'universo, e l'effetto fotoelettrico. Dopo ogni mistero è sviluppato poi ci rivolgiamo per visualizzare ciascuno di loro dal punto di vista undici-dimensionale che abbiamo esplorato. Ogni volta che facciamo questo, il processo diventa un po 'più facile e misteri della fisica avanzate vanno da imporre alle parti frustrazioni deliziose e accessibili della geometria della natura.

Capitolo 13 - Sotto Meccanica Quantistica

In questo capitolo esploriamo una spiegazione deterministica dell'esperimento della doppia fenditura (interpretazione di Bohm), e venga in possesso di una chiara dell'ontologia per il vettore di stato.

Capitolo 14 - Quantum Tunneling & Entanglement

Questo capitolo è dedicato ad una esplorazione dei misteri del tunneling quantistico e entanglement. Partiamo da un approccio concettualmente storica e quindi riesaminare i dati dal punto di vista geometrico della nostra nuova mappa. Ciò che troviamo è che anche se tutti questi effetti sono spremere le meningi dal nostro punto di vista a quattro dimensioni, sono tutti aspetti semplici e naturali di Natura quando inquadriamo in undici dimensioni.

Capitolo 15 - Black Holes and Particelle Elementari

Uno dei più profondi misteri del nostro tempo può rivelarsi centrato sulla questione di ciò che i buchi neri sono come all'interno delle loro orizzonti degli eventi. Per definizione la luce non sfugge un buco nero per rivelare la sua struttura interna. Per questo motivo, l'interno dei buchi neri sono stati assunti per essere sempre al di là della nostra portata. Come si è visto, che la limitazione esiste solo quando inquadriamo la realtà fisica come essere a quattro dimensioni. In questo capitolo, si scopre esattamente ciò che un buco nero è, ciò che il suo pieno geometria sembra (anche all'interno del suo orizzonte degli eventi), e come i buchi neri sono legati alla entropia ei pezzi discreti di spazio. Abbiamo anche imparare come e perché si formano i buchi neri. Tutte queste scoperte sono requisiti automatiche della nostra nuova geometria.

Capitolo 16 - Le costanti della Natura

Le grandezze fisiche che appaiono più e più volte in tutte le nostre equazioni di fisica, chimica, biologia e così via sono spesso presi come valori inspiegabili bruta. Il principio antropico è spesso usato (in pratica) di reprimere domande su come questi valori è venuto per essere come sono. L'universo, dicono, ha acquisito questi valori in modo casuale e dato che solo la combinazione che abbiamo in questo universo porta alla formazione della vita, il fatto che siamo qui a fare le domande mostra il risultato del lancio dei dadi iniziale dell'universo. Questa non è una soluzione profonda. Anche un meccanismo casuale in grado di impostare i valori delle costanti di natura deve essere spiegato. In questo capitolo, si scopre la spiegazione di come le costanti della natura sono venuti ad avere i valori che misuriamo. Scopriamo anche che c'è una scala non arbitraria all'interno di Natura. Tutto questo riduce drasticamente le complessità matematiche delle equazioni siamo diventati familiarità con e ci dà una solida conoscenza del perché l'universo è il modo in cui è.

Capitolo 17 - deterministico Versus stocastici modelle

È l'universo deterministico o stocastico? Fare le cose si evolvono rigorosamente in conformità con causa ed effetto? Oppure vi è una parte dell'universo che alla fine non sia vincolato da causa ed effetto? Questo è stato un dibattito senza tempo. I fisici di oggi sono divisi sulla questione, perché i due rami principali della fisica non vengono chiaramente a pieno accordo su questo tema. La relatività generale è deterministica. La maggior parte della meccanica quantistica è anche deterministico. L'interpretazione ad hoc di riduzione dello stato che usiamo oggi è decisamente stocastico. Questa è l'unica parte della meccanica quantistica che stocastico. La cosa interessante è che l'interpretazione dominante della riduzione Stato non è l'unica interpretazione coerente disponibile. Quindi la risposta alla nostra domanda si riduce a nostra giustificazione dell'interpretazione selezioniamo per la meccanica quantistica. Ma come si fa a decidere quale interpretazione è corretta? In questo capitolo esploriamo questi problemi. Alla fine scopriamo che il nostro nuovo modello descrive un universo che è completamente deterministica. Le equazioni stocastiche apparentemente di riduzione di Stato utilizzati per l'interpretazione norma si rivelano soluzioni che si basano solo su una parte delle dimensioni nell'universo. Quando la piena dimensioni della natura sono considerati il ​​sistema riacquista determinismo. Questo significa che ogni azione ha una causa. L'impatto filosofico questo può avere su come scegliamo di vivere la nostra vita è piuttosto profetica. Ciò significa che la geometria della natura è una questione molto personale.

Capitolo 18 - Reality Emergente

Le strutture complesse che ci circondano sono sempre emergenti e in evoluzione. Da dove vengono? Che cosa determina la loro struttura e la formazione? Che cosa significa tutto dipende? E ciò che spinge l'evoluzione di questi sistemi? Comprendere l'emergere della forma dalla fondazione geometrica alla base della natura è al centro di questo capitolo. Esploriamo il concetto di sopravvenienza e scopriamo che la mappa KD elimina i problemi attuali di giorno con infiniti illogico che la meccanica quantistica attualmente in lotta con le loro mappe.

Capitolo 19 - Il problema Gerarchia

Una domanda popolare oggi chiede perché la forza di gravità è così infinitamente più debole rispetto alle altre tre forze. In confronto la forza nucleare forte, la forza nucleare debole e la forza elettromagnetica sono più o meno tutte la stessa forza. Come è possibile che la gravità è così diverso? Da dove viene questa differenza viene? Questa domanda è chiamato il problema della gerarchia. In questo capitolo si apprende che c'è una differenza nelle origini tra le tre forze e gravità analoghe. La gravità è l'effetto di un piccolo inelasticity nello quanti di spazio. Questa rigidità è quello che stabilisce gradienti di densità dello spazio-tempo o la curvatura dello spazio-tempo. La ragione per cui la forza di gravità è così debole è che questa rigidità è molte poteri inferiore al grado di elasticità in quanti. Da questo scopriamo che le quattro forze sono tutte espressioni delle proprietà interattive appartenenti alla geometria della natura. L'esposizione di quella geometria piena porta unificazione.

Capitolo 20 - Al di là delle Forze

Se dovessimo guardare in alto e guardare un'orbita astronauta della terra nel nulla, ma sua tuta spaziale diremmo che la forza di gravità è ciò che è responsabile della sua traiettoria ellittica. In questo modo stiamo affermando che una forza agisca per l'astronauta. Ma quando una forza agisce su un oggetto che oggetto viene accelerato. Ogni volta che qualcuno è accelerato si può sentire. Così fa il nostro astronauta sentire un po 'forza di trazione o di spinta su di lei e accelerare il suo verso la terra? La risposta è no. L'astronauta non viene accelerato affatto. Invece lei sta dritto nello spazio curvo. Come si è visto, le forze sono spesso titoli che diamo ai nostri errate caratterizzazioni del mondo. Formiamo le aspettative per come le cose dovrebbero funzionare in base alle quattro dimensioni in cui crediamo. Poi, quando osserviamo le ricorrenze che non rientrano all'interno di questo insieme, facciamo le forze 'magiche' che esistono al di là delle regole abbiamo assunto al fine di spiegare le osservazioni che abbiamo fatto. Pertanto, le forze sono poco più che ombre degli errori che abbiamo fatto quando eravamo originariamente incorniciano la geometria dell'universo. Una volta che vediamo l'universo nella sua forma geometrica pieno queste forze si dissolvono e gli effetti misteriosi di queste "forze" sono facilmente accessibili. Vera geometria della natura dovrebbe già includere gli effetti che abbiamo colpa a forze.

Capitolo 21 - quantizzati Vortici

Ampliando bella idea di Lord Kelvin noi esplorare le regole di formazione per vortici in un superfluido e scoprire che questi sonons naturalmente coincidono con le particelle fondamentali della massa del nostro universo. La formazione di questi "anelli di fumo superfluido" ci offre una nuova comprensione del meccanismo di Higgs e apre la possibilità di comprendere anche di massa in termini di geometria.

Capitolo 22 - Superfluidità

In questo capitolo arricchire la nostra esplorazione di ciò che significa essere un superfluido e troviamo che la sola ipotesi che il vuoto è automaticamente un superfluido conduce l'aspettativa che le sue dinamiche sono controllati dal Schrödinger. Abbiamo anche esplorare come spazio-tempo curvatura può essere spiegato in termini di gravità analogico.

Capitolo 23 - illuminante Materia Oscura

Aloni di materia oscura circondano galassie aumentando la quantità di distorsioni gravitazionali in queste regioni esterne. Ma nessuno è stato in grado di spiegare dove questa energia gravitazionale in più proviene. Quali sono le cause di questi aloni per formare? Perché non trovare i colpevoli nei nostri laboratori qui sulla terra? Come possiamo spiegare le strutture che vediamo nelle nostre grandi telescopi? Queste sono le domande che ci rivolgiamo in questo capitolo. Quello che si scopre è che le aloni di materia oscura galassie circostanti sono gli effetti dei cambiamenti di fase nel mare dello spazio-tempo. Dal momento che lo spazio-tempo è di particolato, proprio come l'acqua è, può avere diverse fasi. Queste fasi corrispondono a diversi connectedness geometrico proprio come le fasi di H2O fanno. Quando ci conto per le diverse disposizioni geometriche di questi spazi quanti con una dipendenza dalla temperatura abbiamo naturalmente otteniamo le distorsioni che abbiamo attribuire a materia oscura.

Capitolo 24 - Meccanica Bohmiana

Questo capitolo è per il matematico che vuole tuffarsi nel sistema di equazioni che meglio esprimono la geometria intuitiva che abbiamo esplorato in tutto il libro. (Anche se il set matematico completo non è stato completato a questo punto.) La matematica è spiegato in parole ed equazioni. Una discussione sulla storia della meccanica Bohmiana, che è l'insieme fondamentale di equazioni, è anche incluso. Poi viene dato un suggerimento per la direzione in cui il formalismo finale verrà da - un suggerimento che si basa sulle intuizioni nostra nostra nuova mappa undici-dimensionale.

Capitolo 25 - simmetria e rottura di simmetria

Le leggi della fisica non dipendono da dove sei o che direzione si sta andando. Perché? Perché tutte le nostre equazioni affermano che le leggi della natura sono tempo-inverso simmetrico ma tutti sembrano chiaramente a svilupparsi con una preferenza nel tempo? È giunto il momento in ultima analisi, simmetrica o asimmetrica? Quali altre simmetrie esistono in natura e perché? Queste sono le domande che vengono affrontate e risposta in questo capitolo. I personaggi che chiamiamo simmetrie in natura tutti derivano dalla struttura geometrica che definisce il tessuto dello spazio-tempo. Comprendendo questo struttura veniamo a patti con le simmetrie della natura.

Capitolo 26 - Entropy

Il secondo principio della termodinamica afferma che se mai esiste un sistema che possiede inferiore al suo massimo entropia (disorderedness) allora sarà estremamente probabile avere maggiore entropia sia prima che dopo quel momento. Questo è stato accettato come uno dei più inviolate, gli inquilini corazzate del nostro universo - ma non è mai stato spiegato. Perché i sistemi tendono verso disorderedness? Da dove viene la legge dell'entropia viene? In questo capitolo, si scopre che la natura particellare dello spazio conduce all'entropia perché miscelazione geometrico è parte integrante di tutti i sistemi nello spazio-tempo. Esploriamo anche entropia a maggiori profondità e scoprire la sua connessione con l'evoluzione e il Big Bang.

Capitolo 27 - Genesis

In questo capitolo si arriva ad un argomento che alcuni hanno detto bugie 'al di fuori del regno della scienza.' La prima cosa che si scopre è che si sbagliavano. La questione di cosa ha causato il Big Bang, quello che ha ottenuto il tutto è iniziato per cominciare, con risulta essere racchiuso dalle infinite cascate di gerarchia dimensionale che è dentro l'insieme della nostra mappa KD. Questo significa che siamo in grado di rispondere alla domanda di origini ultime. La risposta risulta essere molto elegante e forse un po 'sorprendente. Il concetto di Nietzsche dell'eterno ritorno riemerge attraverso questa intuizione e questa riemergere tira l'umanità nelle profondità di questa domanda in un modo completamente nuovo.

Capitolo 28 - Dark Energy

Ora che il lettore ha avuto una certa pratica di vedere la realtà fisica in undici dimensioni, è il momento di risolvere un mistero che è così affascinante che ho avuto un duro risparmio di tempo per ultimo. Questo è il mistero dell'energia oscura. Il capitolo inizia dando una storia delle scoperte che hanno portato alla nostra moderna comprensione dell'universo in espansione, e la lotta dell'umanità con l'identificazione sua causa, che abbiamo abilmente chiamato energia oscura. Il lettore è data la possibilità di applicare le loro nuove intuizioni undici-dimensionale per risolvere questo mistero. Per fare questo dobbiamo ogni affrontare la questione dello spazio allargato - che cosa significa in realtà? Poi dobbiamo scoprire che cosa sta realmente causando la luce che raggiunge i nostri occhi da stelle lontane per essere spostata verso il rosso. Come abbiamo imparato ad aspettarsi, la soluzione è sorprendentemente chiaro e deliziosamente intuitiva dal nostro vantaggio più dimensioni.

Capitolo 29 - Gli astronauti intellettuale

Questo capitolo scalda il lettore per l'impatto filosofico che questa nuova geometria ha sull'umanità. Un nuovo modo di vedere il mondo che ci circonda è sempre cambiato il nostro modo di interagire con esso. La responsabilità che abbiamo con ogni nuovo miglioramento è il compito di assorbire verità scoperte e la loro integrazione nella nostra vita quotidiana. Qui scopriamo che tutto il nostro modo di essere, il nostro modo più semplice di esistenza (almeno in Occidente) si basa su presupposti che non tengono in definitiva. Dove andiamo da qui? La mappa KD ha molto da dire su questo e le nostre vite personali.

Capitolo 30 - Il deserto di Intuition

La nostra curiosità spesso ci trucchi in calo per le soluzioni che sono fatti solo di fumo e specchi quando una soluzione più rigida non è disponibile. Gli enti che beneficeranno maggiormente di la continua proiezione di quel fumo hanno condotto una campagna per convincerci che la verità che cerchiamo non è ottenibile dalla scienza, che la ricerca della scienza non è in grado di soddisfare il desiderio profondo che abbiamo. Questo è, ed è sempre stata, una bugia. Ora che siamo in possesso di una mappa ricca di natura, la apparentness di quella bugia si distingue nella luce del giorno per tutti di vedere. In questo capitolo parleremo di come il processo della ricerca scientifica è l'esperienza umana più appagante e soddisfacente. Si ci getta al di là di noi stessi e ci incoraggia a superare intellettualmente ed emotivamente eventuali barriere che ci trattengono. I personaggi della scienza sono le persone con la passione e vigore per la vita, i cercatori, gli esploratori e le embracers di meraviglia. E 'attraverso la ricerca della scienza che la nostra umanità viene ridefinito e sollevato per un nuovo piano.